La pagina Facebook del ristorante rappresenta una dei principali canali per attrarre clienti, seguita da Instagram. Aprire una pagina però non basta per raggiungere questo obiettivo. 

E’ necessario anche pubblicare contenuti interessanti, aggiornare le informazioni, creare eventi, interagire con la clientela e soprattutto … evitare questi errori comuni.

1 – Scrivere testi troppo lunghi e in maiuscola 

Snapchat, Instagram e Twitter, sono social che impongono o comunque prediligono messaggi brevi. Su Facebook non c’è una prassi così stringente, ma comunque è preferibile scrivere testi brevi perché la lettura degli utenti sul web è selettiva. Si passa rapidamente da un contenuto all’altro, prestando attenzione solo per pochissimi istanti.  L’altro grave errore commesso da alcuni è l’uso delle maiuscole. Ricordiamo che queste sono percepite da chi legge come un’imposizione e vanno pertanto evitate. Dulcis in fundo: attenzione alla grammatica, all’ortografia e alla forma, gli errori di battitura capitano a tutti, quindi meglio rileggere prima di pubblicare. 

TheFork Pagina Facebook del ristorante: gli errori da evitare

2 – Uso sbagliato degli hashtag 

Quella degli hashtag è una moda che talvolta sfugge di mano anche ai migliori! Secondo l’agenzia di marketing digitale Ninja Marketing, è necessario usarli con attenzione e logica. Innanzitutto non sono adatti a tutti i social. Per quanto riguarda Facebook ad esempio, non si sono diffusi più di tanto e addirittura potrebbero condurre a un calo del tasso di interesse e di coinvolgimento negli utenti raggiunti. Ciò detto, l’importante è di sceglierne di coerenti con l’immagine e il messaggio e di non esagerare! 

TheFork Pagina Facebook del ristorante: gli errori da evitare

3 – Dimenticare la “Call to Action” 

Nel marketing, la call to action è una frase  al termine del messaggio che ha lo scopo di spingere l’utente a compiere una determinata azione e quindi nel caso del ristorante di prenotare. E’ importante che sui profili social ci siano contenuti più narrativi che commerciali, ma l’invito all’azione conclusivo non va mai dimenticato perché permette di trasformare gli utenti in clienti. Puoi inserire per esempio il link della tua scheda di prenotazione su TheFork. 

TheFork Pagina Facebook del ristorante: gli errori da evitare

4 – Non rispondere

L’essenza di qualsiasi social network è l’interazione. Quando condividi un contenuto puoi ricevere dei feedback ed è sempre importante rispondere sia che si tratti di commenti positivi, sia che si tratti di critiche. E’ altrettanto importante rispondere nel caso in cui i clienti vi chiedono informazioni supplementari sul vostro ristorante. Nel caso di insulti e critiche apertamente poco costruttive, per esempio in caso di troll, potete segnalare a Facebook se offensive o semplicemente nascondere il commento.

5 – Evitare l’autocompiacimento 

Facebook è una piattaforma ideale per promuovere la propria attività, ma attenzione a evitare l’autocompiacimento. Dovete pensare che i contenuti che pubblicate possano essere utili ai vostri fan e ai soprattutto i vostri potenziali clienti. Quindi via libera a foto e video dei vostri piatti, recensioni positive ricevute da clienti e critici e ancora post simpatici che generano interazioni come questo di TheFork.

TheFork Pagina Facebook del ristorante: gli errori da evitare

L’ importante è variare, esattamente come in una buona dieta! 

Per concludere, non possiamo non citare un altro errore comune, ovvero dimenticare il pulsante di prenotazione sulla pagina Facebook del ristorante. Con TheFork è gratuito, che aspettate a richiederlo? 

Altri articoli che potrebbero interessarti

TheFork Marketing nella ristorazione

Suggerimenti

La personalizzazione nel marketing della ristorazione

Suggerimenti

7 trucchi di marketing per rispondere alle recensioni

TheFork Come usare lo Storytelling per fidelizzare la tua clientela

Suggerimenti

Come usare lo storytelling per la fidelizzazione dei clienti

Parliamone Condividi la tua esperienza e la tua opinione con noi, compilando questo modulo. Il tuo feedback ci interessa.

Fai come gli oltre 40 000 ristoranti già presenti su TheFork