Come ogni anno siamo a un momento di bilancio e previsioni per l’anno prossimo. E’ cruciale infatti capire quali sono le tendenze che si sono imposte nel corso degli ultimi mesi e quelli che si imporranno nei successivi per capire se possano essere incorporate nei piani di marketing dei ristoranti.

Secondo il rapporto globale sulle tendenze del cibo e delle bevande 2018 dell’azienda Mintel, il consumo naturale, sostenibile e trasparente, cesserà di essere una filosofia esclusiva e lussuosa, per essere quotidiano e generalizzato. Sì, la cura personale e il pianeta sono la tendenza più forte, come risposta alla vita moderna stressante e frenetica. Ed è ciò che determinerà anche le nuove esigenze dei clienti. La tua attività è pronta a offrire un’esperienza gastronomica adattata a questo stile di vita?

Respondi a questa domanda leggendo una a una le tendenze della ristorazione nel 2018. 

TheFork - Vi sveliamo le tendenze marketing della ristorazione nel 2018Ristoranti naturali e sostenibili per tutti 

E’ l’evoluzione dei ristoranti healthy . Anche in questo caso ci troviamo di fronte a un’offerta gastronomica composta da alimenti naturali e organici che si rivolge ai clienti attenti alla propria salute e a quella del pianeta. 

Continueranno a guadagnare punti i ristoranti che offrono piatti vegetariani anche se non si rivolgono  esclusivamente a un pubblico vegetariano, vegano o flexitariano.

Parallelamente continueranno ad aumentare le opzioni per chi ha specifiche esigenze alimentare e dunque piatti privi di zuccheri raffinati, glutine, lattosio e così via.  

L’importante è che abbiano prodotti organici e materie prime a filiera corta.  Saranno sempre più diffusi materiali naturali non solo nell’offerta gastronomica, ma anche negli arredi. Questa alimentazione più attenta e consapevole sarà sempre più presente anche nei locali di consumo veloce. Un esempio di questa tendenza è lo spazio gastronomico de economia solidaria Mescladis, a Barcellona. Nei suoi laboratori di cucina sostenibile, gli chef creano ricette creative e multiculturali con prodotti biologici provenienti dai loro orti. È l’anima del quartiere in cui si trova, grazie a questo senso sociale e salutare a cui è orientato. 

.

TheFork - Vi sveliamo le tendenze marketing della ristorazione nel 2018Effetto sorpresa 

La moderna vita frenetica condiziona le aspettative dei clienti. Ecco perché le esperienze gastronomiche con l’effetto wow avranno una marcia in più anche il prossimo anno.

Da una parte vi è la possibilità di portare in giro la propria proposta gastronomica con i food truck, dall’altra vi sono i ristoranti pop-up che si possono aprire per un determinato periodo di tempo o ancora ristoranti che ospitano diversi chef.

Un esempio è Chefsclub Amsterdam Lounge, dove ogni giorno chef diversi si alternano in cucina. Un modo per pubblicizzare le nuove proposte nel settore, le nuove generazioni e, naturalmente, anche per approfittare di questa tendenza che attira l’attenzione e sorprende anche i clienti abituali. Se vi piace l’idea, pianificate qualche evento speciale con un guest chef per un breve periodo di tempo.

..

TheFork - Vi sveliamo le tendenze marketing della ristorazione nel 2018Format misti: cibo e festa 

Cresce il numero di locali in cui i clienti possono cenare, bere qualcosa e fare festa. Molte attività lo fanno già, servendo i piatti fino a tarda serata e organizzando serate successivamente. 

Ci sono sempre più clienti che cercano ristoranti dove possono mangiare e poi restare  a bere qualcosa e ascoltare un po’ di musica.

Quindi i ristoranti che soddisfano questo bisogno, guadagnano popolarità. 

Un esempio è il Pointer di Madrid. Il ristorante propone un’offerta gastronomica internazionale e creativa, con diversi spazi per cenare, ascoltare musica e degustare cocktail. 

.

TheFork - Vi sveliamo le tendenze marketing della ristorazione nel 2018Blending

Se parliamo di bevande alcoliche, il vino è protagonista nel 2018. La tendenza si chiama Blending e consiste nel miscelare più vini o di più uve, per ottenere un taglio unico. L’idea è che il ristorante crei i propri mix secondo le preferenze dei suoi potenziali clienti, per offrire il proprio vino più naturale e autentico. 

Se pensi che questa tendenza faccia al caso tuo, ricorda di aggiornare il database delle preferenze dei tuoi clienti su TheFork Manager. Saranno informazioni utili per realizzare il blending.

Se non conosci lo strumento clicca qui

.

TheFork - Vi sveliamo le tendenze marketing della ristorazione nel 2018Textures

Se finora sono stati apprezzati piatti dove il colore era protagonista perché fossero postati su Instagram, nel 2018, si guarderà soprattutto alle consistenze porteranno a tutti i gusti.  Creme, salse e gelati con pezzi croccanti, ingredienti speziati che producono formicolii, verdure croccanti, doppie cotture, bevande gassate, ricette con più di due strati di prodotti diversi. 

Sarà importante includere una migliore descrizione dei piatti nei menù fisici e digitali su piattaforme come TheFork. 

.

TheFork - Vi sveliamo le tendenze marketing della ristorazione nel 2018Il quarto pasto

La tendenza healthy ha influenzato anche i tempi classici dei pasti. Mangiare meno e più volte al giorno è una forma di consumo in crescita. Non solo quindi colazione, pranzo e cena ma anche un quarto pasto, che potrebbe essere tra la colazione e il pranzo o tra il pranzo e la cena.

La proposta gastronomica dei ristoranti che offrono la possibilità di mangiare a ogni ora del giorno è più semplice, ma non meno gustosa. In questo senso funzionano molto bene piatti adatti a qualsiasi ora del giorno. Un esempio? I  finger food quali i  biscotti salati e dolci con ingredienti e consistenze appetitose, ricette con cereali, lecca lecca al formaggio, frutta e verdura, piatti con uova, tortillas e omelette.

.

TheFork - Vi sveliamo le tendenze marketing della ristorazione nel 2018Insetti 

Gennaio si avvicina e dal primo giorno dell’anno nuovo  entrerà in vigore il regolamento Ue sui novel food, che è stato approvato il 25 novembre 2015.

Millepiedi cinesi, tarantole, vermi giganti, bachi da seta, farfalle, cimici d’acqua, scorpioni, scarabei, grilli: anche in Italia sarà possibile la produzione e la vendita di insetti. Secondo un’indagine di Coldiretti, gli italiani non sono entusiasti della novità.

Oltre la metà dei consumatori (54% ) afferma di essere contraria poiché sono cibi che non appartengono alla nostra cultura gastronomica. Il 24% degli intervistati vede questa introduzione di nuovi prodotti con indifferenza e solo il restante 16% del campione è favorevole.

A spingere verso il consumo di insetti è l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura  secondo cui L’uso di insetti per l’alimentazione e la produzione di mangimi presenta vari vantaggi per l’ambiente, per la salute e per il miglioramento della condizione sociale e dei mezzi di sussistenza di varie popolazioni.  

Sono tante le ricette che includono gli insetti tra gli ingredienti. Si consumano per lo più fritti, come snack o secchi e da poco è stato anche prodotto in Italia un panettone a base di insetti. Nell’ambito della ristorazione, il ristorante Essento Dinner in Svizzera offre già delle vere e proprie delicatessen a base di insetti. 

Sei pronto a portare a tavola cavallette e camole? Sicuramente farlo, farà parlare di te!

Hai già portato alcune tra queste tendenze nel marketing del tuo ristorante? Quali risultati hai ottenuto?

Le sfide che il settore ha affrontato negli ultimi anni sono state enormi e, come potete vedere, il 2018 non sarà da meno. Speriamo che tutte queste nuove forme di consumo stiano dando più gioia che mal di testa alla tua attività e che tu stia crescendo. Benvenuto, 2018!