Il sogno di ogni ristoratore è di attirare i clienti che amano il suo ristorante, lo visitano spesso, apprezzano l’esperienza gastronomica e la raccomandano ad altri. Credi che sia pura utopia? Non lo è! E’ un obiettivo raggiungibile senza usare formule magiche. Il trucco sta nel sapere chi sono i clienti giusti e focalizzarsi su di loro.

In marketing viene utilizzato il termine “buyer persona” che si riferisce al prototipo del cliente ideale, il quale deve essere identificato chiaramente in modo che ogni strategia adottata sia pensata per coinvolgerlo. Sai chi è il cliente perfetto del tuo ristorante? Segui questi passi per scoprirlo.

Passo 1: Definire i tuoi servizi

Per conoscere chi sono i tuoi clienti ideali devi sapere per prima cosa chi sei tu. Perciò è fondamentale rispondere con sicurezza a domande come:

  • Che tipo di ristorante è il tuo ristorante?
  • Che tipo di cucina offri?
  • Quali servizi si possono trovare al tuo ristorante?

Ma anche domande come:

  • Che tipo di ristorante non è il tuo ristorante?
  • Quali servizi non si possono trovare al tuo ristorante?

Nella definizione del tuo profilo è possibile che ti renda conto che il tuo ristorante è frequentato da diversi tipi di clienti. Per esempio:

Ristorante di cucina asiatica. Offre vari prodotti e si adatta alle tendenze. La specialità della casa sono l’anatra e la grande varietà di ravioli, anche se recentemente al menu sono stati aggiunti nuovi piatti come il ramen, per attirare clienti nuovi. E’ frequentato principalmente da 3 tipi di clienti: liberi professionisti della zona durante il servizio del pranzo, donne dai 35 ai 45 anni nel servizio della cena e millennials foodies attratti dai piatti alla moda.

In questo panorama così vario, come sapere chi è il cliente ideale di questo ristorante? Seguendo il passo 2.

Passo 2: Raccogliere informazioni

Questo è il passo più importante di tutto il processo. Consiste nel raccogliere informazioni da tutte le fonti possibili usando diverse modalità:

Realizza indagini e questionari

Puoi fare dei sondaggi suoi tuoi canali digitali (Facebook – Twitter – web) oppure questionari più elaborati nelle tue campagne email o SMS. L’importante è che tu faccia domande che ti permettano di raccogliere informazioni su diversi aspetti.

Informazioni base: Stato civile, figli, studi, potere di spesa, professione.

Informazioni di tipo più qualitativo: Quali sono i tuoi gusti? Cosa ti motiva nella scelta di un ristorante? Quali sono i bisogni che un ristorante deve soddisfare? Con chi preferisci andare quando esci a mangiare? Ogni quanto vai al ristorante? Fai prenotazioni online? Dal cellulare o dal computer?

E anche informazioni espressamente sul tuo ristorante: Che piatti ti piacciono e quali no? Qual è l’impressione sul servizio? Che cosa cambieresti? Perché lo preferisci ad altri ristoranti?

Sfrutta al massimo il tuo database

Puoi registrare nella scheda di ogni cliente che arriva al tuo ristorante informazioni riguardo a cosa consuma, il tipo di bevande e di piatti che preferisce, dove preferisce sedersi, i prodotti che non gradisce e tutte le sue preferenze. In questo modo conoscerai meglio i clienti che vengono al tuo ristorante. Se coinvolgi tutto il personale, specialmente i camerieri che sono coloro in contatto con la clientela, puoi ottenere un valido database che ti può aiutare ad attirare ancora più clienti.

Con TheFork Manager è facilissimo. Se ancora non hai un database dei tuoi clienti, clicca qui.

Analizza i tuoi social network

Con gli strumenti marketing di Facebook e Twitter, puoi raccogliere ed analizzare diversi dati che ti forniranno più informazioni su i tuoi clienti-followers. Alcuni basilari come l’età, il sesso, la professione, la provenienza e altri più complessi come i gusti e gli interessi e i contenuti che più consumano. Potresti scoprire che la maggior parte dei tuoi follower sono di mezz’età e amano i video di ricette. L’ideale in questo caso sarebbe iniziare a creare dei video e pubblicarli sulle tue pagine social e attirare questo tipo di clienti.

Passo 3: Definire il profilo cliente per attrarre quello perfetto

Una volta che hai raccolto tutte le informazioni, puoi iniziare a creare il profilo del cliente, la storia e le caratteristiche della sua personalità e delle sue abitudini di consumoUn buon metodo è costruire il profilo in diverse fasi:

  • Per prima cosa sapere chi è
  • Secondo, quali sono le sue motivazioni
  • E in ultimo, in che modo il tuo ristorante può aiutarlo a soddisfare le sue necessità di consumo.

Per esempio:

Donna. 39 anni. Sposata. Senza figli. Libera professionista. Il suo potere d’acquisto è medio e le piace investire nel restauro. Il suo social network preferito è Instagram. Pubblica immagini dei prodotti che consuma e dei suoi viaggi. Si reca 3 volte a settimana al ristorante. Durante la settimana ci va con i suoi colleghi e nel fine settimana con le sue amiche e con suo marito. Le piacciono i locali spaziosi e moderni. E’ un’amante del vino. Aperta a sperimentare nuovi piatti. Le piace il servizio personalizzato e veloce. Fa occasionalmente prenotazioni online nei ristoranti.

L’obiettivo finale è focalizzare le tue attività di marketing verso un profilo cliente più definito possibile e in questo modo attrarlo e fidelizzarlo. Con tutte queste informazioni potrai adattare il menu, i prezzi, l’ambiente, gli eventi e il servizio alle necessità di questo cliente che così sarà sempre al tuo ristorante. E’ un compito che richiede sforzo e dedizione, ma i cui risultati possono portarti enormi vantaggi.

Altri articoli che potrebbero interessarti

TheFork Il potere degli influencer sulla pubblicità per ristoranti

Suggerimenti

Il potere degli influencer sulla pubblicità per ristoranti

Suggerimenti

Pagina Facebook del ristorante: gli errori da evitare

Suggerimenti

7 trucchi di marketing per rispondere alle recensioni

Parliamone Condividi la tua esperienza e la tua opinione con noi, compilando questo modulo. Il tuo feedback ci interessa.

Fai come gli oltre 40 000 ristoranti già presenti su TheFork