Le tendenze food che i ristoratori non devono sottovalutare

28 luglio 2021
foraging

È risaputo che i grandi eventi traumatici nella storia portano con sé grandi cambiamenti, alcuni dei quali possono essere anche positivi. Anche la pandemia, con le sue tragedie immani, ha per esempio portato a dei ripensamenti che riguardano diversi ambiti, compreso quello dell'alimentazione. Per questo anche il mondo della ristorazione può uscire da questo periodo difficile facendo attenzione alle piccole e grandi rivoluzioni in corso.

Come riportato da Ansa, per esempio, una ricerca pubblicata sul magazine americano Forbes sostiene che, proprio in seguito all'emergenza sanitaria, il 54% dei consumatori abbia deciso di adottare un’alimentazione più sana nel 2020 rispetto a dieci anni fa. Questo significa soprattutto rivolgersi a cibi biologici e, in buona parte, di origine vegetale. Ma le tendenze food dei prossimi anni sono ancora più variegate e originali.

L'approccio climatariano

In un periodo come questo sono tornati prepotenti i discorsi sull'attenzione al pianeta e sul cambiamento climatico. Allo stesso tempo si sviluppa nel mondo dell'alimentazione un ritorno a un approccio più sensibile nei confronti dei prodotti naturali: si ricercano in altre parole alimenti sostenibili, di stagione, locali, che abbiano un basso impatto sullo sfruttamento delle risorse ambientali e sulla crisi climatica.

Il futuro sono gli insetti

Da più parti si insiste che la vera alternativa al consumo delle carni, la cui industria ha effettivamente un impatto enorme sul nostro pianeta, è rivolgersi alle proteine derivanti dagli insetti. Da tabù accolto con sdegno, le farine e gli altri alimenti di origine entomologica stanno facendo breccia anche nelle cucine più stellate, in attesa che le regolamentazioni dei vari paesi adottino una politica chiara su questo settore.

proteine insetti

Mangiare trasparente

I consumatori così come i clienti dei ristoranti sono utenti sempre più attenti e curiosi, e soprattutto vogliano sapere cosa mangiano e cosa arriva loro sul piatto. Bisogna quindi mostrarsi preparati a fornire loro il maggior numero di informazioni possibili su provenienza, ciclo di vita, dati nutrizionali e quant'altro. Questo sempre in un'ottica di favorire l'alimentazione biologica e sostenibile.

Il foraging

Con foraging si indica la raccolta di piante, funghi ed altri alimenti spontanei che nascono nei boschi, nei prati o lungo i fiumi. Da hobby individuale questa pratica si sta trasformando in un trend che arriva anche nei menù dei ristoranti, con l'introduzione di ingredienti di natura selvatica, dai fiori eduli alle erbe di campo e così via. 

È chiaro che l'industria dell'alimentazione e anche quella della ristorazione subirà nei prossimi anni degli assestamenti notevoli sia a livello logistico (crescerà sempre di più il delivery) sia a livello tecnologico (più strumenti digitali, meno imballaggi, più efficienza negli ordini e meno sprechi), ma anche la controparte culinaria avrà le sue tendenze di cambiamento. Molte di queste rivoluzioni possono sembrare strane e bizzarre, ma il segreto è adattarle al proprio modo di fare ristorazione. E i clienti ringrazieranno.

Foto: qui

Discover TheFork Manager

Gain greater online visibility

Increase your table occupation rate

Fight against no-show

Rely on Industry expert