Gestione dei ristoranti: le ultime tendenze secondo 5 esperti

#gestione#gestione del ristorante#gestione ristorante#tendenze

La gestione dei ristoranti sta vivendo un momento unico. Mai come oggi, i ristoratori hanno grandissime opportunità di avere successo. Come rimanere al passo con le ultime tendenze? Lo abbiamo chiesto a 5 esperti del settore.

Il lavoro di squadra porta al successo

Un ristorante è frutto del duro lavoro di varie persone guidate da un direttore o un proprietario. In passato ha prevalso l’organizzazione gerarchica a piramide, oggi la tendenza è un’organizzazione orizzontale. A dirlo Domènec Biosca, presidente dell’Associazione delle Imprese Turistiche in Spagna:

el-tenedor-gestion-de-restaurantes-tendencias-domenec-biosca“Le aziende cambiano quando tutti i membri della squadra si comportano come imprenditori. Per questo il gestore deve saper gestire le sue emozioni nei rapporti con il personale. Il contesto è l’elemento cruciale che determina la permanenza si un buon dipendente”.

Per evitare queste situazioni e promuovere la qualità,  Ramón Dios, consulente e coach di ristoranti commenta:

el-tenedor-gestion-de-restaurantes-tendencias-ramon-dios“Bisogna collaborare con il team, piuttosto che dare ordini e capire quando dalla squadra arrivano idee utili. Quando si riconoscono i meriti al personale, lo si invoglia a fare di più. Complimentarsi per un buon servizio è sempre un incentivo. Sono esseri umani con risorse, non risorse umane”.

Specializzazione

Altra tendenza è la specializzazione. Alcuni clienti preferiscono ristoranti specializzati in un’unica portata. Al giorno d’oggi infatti c’è una crescente cultura gatronomica. Come dice Eva Ballarin, consulente in campo ristorativo e cacciatrice di tendenze:

el-tenedor-gestion-de-restaurantes-tendencias-eva-ballarin“Il locale mono-prodotto sta funzionando bene poiché non si va al ristorante solo per mangiare, ma per avere un’esperienza. I consumatori sono sempre più attenti e informati. Per esempio c’è un locale a Londra che si chiama Burger and Lobster (Estocolmo, Londres, NY), dove la gente va a mangiare hamburger e aragosta. La focalizzazione su alcune specialità consente di avere le migliori materie prime”.

Gestión de restaurantes, últimas tendencias evento Barra de Ideas, ElTenedor. Burger and Lobster

Burger & Lobster, Estocolmo.

E’ importante ricordare questi aspetti quando si definisce l’offerta culinaria. Óscar Carrión, docenti di gestione dei ristoranti, parla di segmentazione:

el-tenedor-gestion-de-restaurantes-tendencias-oscar-carrionSe vogliamo soddisfare tutti, alla fine non accontenteremo nessuno. La cosa migliore è dunque segmentare per definire l’offerta. Offrire un prodotto principale e poi altri prodotti che dipendono dalle tendenze”.

Offri qualcosa di sano

Mangiare sano è più di una moda, è anche un’esigenza sentita da molti clienti. Per Oscar Carrión è imprescindibile che i ristoranti tengano presente questa nuova tendenza. Tutti noi abbiamo oggi meno tempo per cucinare e cerchiamo prodotti sani anche quando andiamo a mangiare fuori. “Le abitudini stanno cambiando poiché si cucina sempre meno a casa. Inoltre, con l’allungarsi della vita, ci teniamo a un’alimentazione sana. La tendenza Healthy nei ristoranti è una realtà. Food is the new religion, per questo preferiamo la cucina a km zero e siamo attenti alla sicurezza alimentare”. Inoltre, i clienti iniziano ad apprezzare prodotti bio e sani man mano che i ristoranti riescono a servirli in modo creativo e saporito. “Sappiamo che tutto ciò che mangiamo incide sulla nostra salute e che abbiamo sempre più scelta. Per questo chiediamo più informazione sugli alimenti. Mangiar sano non significa solo assumere poche calorie o ridurre il sale. Per questo vediamo fenomeni come il Flexivegetarianismo per cui l’ 80% del piatto è composto da verdure, mentre le proteine sono il contorno”, conclude Eva Ballarin.

Cibo da guardare

Secondo Ramón Dios, “la vista assume un ruolo sempre più importante e la gastronomia non fa eccezione”.  Le location dei ristoranti passano dall’essere convenzionali all’essere più originali e alternative. Altra tendenza sono le Food Hall. “E’ la grande rivelazione del turismo gastronomico: un unico spazio offre la stessa visibilità e si pone come strumento di marketing per varie imprese, aggiunge Eva Ballarin. Un esempio è il mercato centrale di Firenze: 

Gestione dei ristoranti thefork: foto panoramica mercato centrale firenze

La gastronomia esplora oggi anche altri territori per esempio utilizza i piatti e i cocktail come complementi di altre esperienze

Gestión de restaurantes, últimas tendencias evento Barra de Ideas. ElTenedor. Barber and Parlour

Barber & Parlour en Londres

Tutto è marketing

Una volta il marketing per la ristorazione si limitava alla classica pubblicità.  Oggi include tutte le azioni che hanno un impatto diretto o indiretto sul cliente. Per Ramón Dios, il marketing è oggi un pilastro fondamentale: “Due sono gli elementi imprescindibili del business ristorativo: l’innovazione e il marketing. Qualsiasi spazio di visibilità per il ristorante rientra nel marketing, che può essere però costoso”. 

Diego Coquillat, esperto di marketing gastronomico, spiega come il marketing digitale è la chiave non solo per attrarre nuovi clienti, ma anche per trasformarli in veri fan :

el-tenedor-gestion-de-restaurantes-tendencias-diego-coquillat“Molti ristoranti si sono salvati dalla crisi grazie a internet. Una strategia efficace è creare esperienze condivisibili e convertire il cliente nel principale venditore”.  

La campagna The Birds Eye Inspiration del ristorante The Picture House

Gestión de Restaurantes, ElTenedor, propina digital

La  gestione di un ristorante sta diventando sempre più varia e dobbiamo esserne consapevoli. Cosa ne pensi? Vale anche per il tuo ristorante? Speriamo di sì!

Parliamone Condividi la tua esperienza e la tua opinione con noi, compilando questo modulo. Il tuo feedback ci interessa.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Fai come gli oltre 50 000 ristoranti già presenti su TheFork